L'EDUCAZIONE AL SENTIMENTO

l’ignoranza del mondo dei sentimenti e la cattiva educazione emotiva è all’origine della maggior parte non solo delle violenze, ma anche delle disfunzioni della nostra società; comprese quelle economiche, i problemi sul lavoro, gli scorretti comportamenti politici, e molte patologie psichiche e fisiche. Tutto ciò per una ragione molto semplice: un equilibrato sviluppo del sentimento è la principale condizione per l’equilibrio psicologico. In un epoca nella quale i costumi si sono involgariti e le relazioni umane hanno perso tono e autenticità, riuscire a coltivare i sentimenti, magari abbinati alle passioni, è una grande fortuna e un pezzo essenziale del percorso formativo. L’educazione sentimentale è anche un antidoto naturale alle forme più degradate delle pulsioni che hanno sostituito i sentimenti e le passioni: il bullismo, la violenza verbale, prima sul web, e poi fisica, con pugni e calci. E sono un antidoto alla solitudine, all’indifferenza, a non sentire l’altro come necessario.

«È l’altruismo che migliora il mondo, proviamoci»